Terapia dell’esposizione

I ricercatori hanno iniziato questo progetto perché non c’era quasi nulla di noto sulla misofonia, sebbene i pazienti soffrano in modo significativo. I ricercatori hanno utilizzato una serie di domande ad intervista denominate “Amsterdam Misophonia Scale” in base a criteri diagnostici specifici e cinque sintomi.

Utilizzando webcam, 40 partecipanti in tutto il mondo sono stati trattati a distanza per 12 sessioni: sei sessioni di terapia espositiva e sei sessioni di terapia di gestione dello stress. Secondo il manuale di trattamento, la sperimentazione si è concentrata sull’insegnare ai partecipanti a notare quali pensieri li facevano sentire peggio e come gestire lo stress in modo più efficace.

“Il valore principale della CBT è che insegna ai singoli i metodi”, dice il professore di psicologia Dean Fordham. “Ci sono così tante situazioni in cui le circostanze sono al di fuori del nostro controllo e se a chi soffre di misofonia possono essere date strategie specifiche per tollerare questi suoni in modo più efficace… allora miglioreranno la loro situazione”.

Diverse strategie utilizzate nel trial – spostamento dell’attenzione, controcondizionamento e tecniche di rilassamento – si sovrappongono ad altri approcci per trattare la misofonia. Rebecca Schneider, dottorando presso l’University of Colorado a Boulder, ha condotto un caso studio utilizzando strategie correlate: consapevolezza e terapia basata sull’accettazione.

Immagine da: www.igorvitale.org/2015/12/11/come-funziona-la-macchina-della-verita/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *